Il cuore è ingannevole | CONSAPEVOLI NELLA PAROLA

Ultime News

venerdì 28 maggio 2010

Il cuore è ingannevole



Dio desidera proprio farci del bene; Egli desidera che la nostra vita sia veramente piena di pace, gioia e felicità. Il problema è che noi abbiamo una nostra idea di gioia e felicità che non corrisponde a quella giusta. Molto spesso pensiamo che ogni cosa che il nostro cuore e la nostra mente desiderano sia ciò che può darci felicità e gioia, così continuiamo a rincorrere un mucchio di desideri e di sogni senza mai essere veramente contenti nel profondo del nostro animo. La Bibbia dice una cosa interessante a riguardo, e cioè che:
 

“Il cuore è ingannevole più di ogni altra cosa, e insanabilmente maligno; chi potrà conoscerlo?” (Geremia 17:9)

Questo significa che non possiamo basarci su quello che i nostri sentimenti ci dicono o sui pensieri e i ragionamenti che vengono fuori dalla nostra mente, perché il nostro cuore e la nostra mente sono “bacati”. Forse qualcuno si chiederà perché il nostro cuore e la nostra mente sono “bacati” e come mai non siamo in grado di distinguere fino in fondo ciò che è bene da ciò che è male. La risposta è semplice: siamo peccatori. Ma che cosa significa esattamente “essere peccatori”? Peccare significa fare ciò che Dio non vuole. Dio ci ha rivelato la sua perfetta volontà tramite la Bibbia, se noi leggiamo la Bibbia possiamo conoscere quello che Dio gradisce e quello che Dio non gradisce affatto.
Tuttavia una volta che conosciamo quello che Dio gradisce, ben presto ci accorgiamo di non riuscire a metterlo in pratica. A volte non vogliamo ubbidire di proposito a quello che Dio ci dice, altre vorremmo farlo ma poi ci rendiamo conto di non riuscirci pienamente. Dio sa questa cosa molto bene, infatti l’ha detta molto tempo fa; nel libro dell’Ecclesiaste è scritto:
 
“Certo, non c'è sulla terra nessun uomo giusto che faccia il bene e non pecchi mai” (Ecclesiaste 7:20)

Se la nostra mente e il nostro cuore sono “bacati” allora dobbiamo esaminare quello che Dio dice a proposito della nostra condizione e accettare che la sua analisi è l’unica veramente esatta. Nella lettera dell’apostolo Paolo ai Romani troviamo una descrizione estremamente chiara della situazione in cui si trovano tutti gli uomini:

«Non c'è nessun giusto, neppure uno. Non c'è nessuno che capisca, non c'è nessuno che cerchi Dio. Tutti si sono sviati, tutti quanti si sono corrotti. Non c'è nessuno che pratichi la bontà, no, neppure uno». «La loro gola è un sepolcro aperto; con le loro lingue hanno tramato frode». «Sotto le loro labbra c'è un veleno di serpenti». «La loro bocca è piena di maledizione e di amarezza». «I loro piedi sono veloci a spargere il sangue. Rovina e calamità sono sul loro cammino e non conoscono la via della pace». «Non c'è timor di Dio davanti ai loro occhi». (Romani 3:10-18)
 
Quando l’apostolo Paolo scriveva queste cose non stava pensando ai terroristi, ai pedofili o a una categoria di persone specialmente malvagie; egli stava descrivendo la condizione del cuore di ogni essere umano: la condizione di ognuno di noi.
Nasciamo e viviamo spiritualmente morti, alla ricerca di una pace e di una felicità che non riusciamo a raggiungere e con un futuro di eterna separazione da Dio. Voglio essere estremamente chiara a questo riguardo: siamo tutti destinati alla morte eterna a causa del nostro peccato.
 
Se la storia finisse così ci sarebbe poco da stare allegri, ma all’inizio avevamo detto che Dio desidera che la nostra vita sia piena di pace e gioia. Infatti Gesù stesso disse: “…io son venuto perché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza.” (Giovanni 10:10)
Allora qual è il rimedio che Dio ha pensato affinché potessimo essere riconciliati con Lui e avere la vera pace? Dio ha mandato suo Figlio a morire al nostro posto sulla croce per pagare la colpa del peccato che ci separava da Lui.

“Dio invece mostra la grandezza del proprio amore per noi in questo: che, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi.” (Romani 5:8)
 
Quindi la grandezza dell’amore di Dio sta proprio nel fatto che ha mandato suo Figlio a morire per noi affinché potessimo avere pace e vita eterna. Abbiamo detto che il nostro vero problema è il peccato e per Dio l’unica risposta possibile al problema del peccato è Gesù Cristo, infatti "in nessun altro è la salvezza; poiché non v’è sotto il cielo alcun altro nome che sia stato dato agli uomini per il quale noi possiamo essere salvati "(Atti 4:12).

A questo punto forse riconosci la tua mancanza di pace e di gioia interiore, ma comunque non sei interessato a tutti questi discorsi “religiosi” e, tutto sommato, di quello che Dio dice o pensa ti importa poco. Se questi sono i tuoi pensieri è bene che tu sappia che solo tramite Dio è possibile conoscere la vera pace e la vera gioia, e che è impossibile riuscire a trovare una reale felicità facendo a meno di Lui. Ci puoi provare, ma, se sei sincero con te stesso, ben presto ti accorgerai che i tuoi fallimenti non tarderanno ad arrivare e con essi scoraggiamento, frustrazione e angoscia. 
 
angoscia


Oppure fino ad oggi hai pensato che ci possano essere tante soluzioni ai problemi interiori dell’uomo, e che tutto sommato ognuno ha la sua via e anche tu prima o poi troverai la tua. Oggi va molto di moda questo pensiero della spiritualità “fai da te”, dove ognuno si costruisce personalmente il suo dio. Tuttavia la Bibbia non afferma questo, anzi a questo riguardo è molto chiara e nel vangelo di Giovanni dice: 
  
“Gesù gli disse: Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.”(Giovanni 14:6)

C’è un solo modo per ottenere pace e riconciliazione con Dio e con noi stessi: accettando che non possiamo fare niente con i nostri sforzi per risolvere questo problema e credendo per fede che Gesù Cristo ha fatto tutto morendo sulla croce per i nostri peccati.
Se tu vuoi davvero queste due cose, cioè rinunciare a te stesso e credere che Dio ha risolto il problema della malvagità del tuo cuore in Gesù Cristo, allora Egli verrà a dimorare nella tua vita con lo Spirito Santo e non importa quali e quanti problemi hai e avrai in futuro, ma la vera pace e la vera gioia saranno una realtà concreta nella tua vita di ogni giorno.

“Non c'è dunque più nessuna condanna per quelli che sono in Cristo Gesù, perché la legge dello Spirito della vita in Cristo Gesù mi ha liberato dalla legge del peccato e della morte.” (Romani 8:1-2)

Quello che abbiamo visto è un messaggio di grazia, ma è anche vero che se vorrai continuare nella via che fino a oggi hai seguito senza accogliere l’invito che Dio ti fa di rimettere la tua fiducia in Lui, allora sappi che nessuno potrà essere gradito a Dio mediante i suoi sforzi di bontà e che per coloro che confidano su una giustizia umana Dio ha riservato il suo giudizio futuro  "E se qualcuno non fu trovato scritto nel libro della vita, fu gettato nello stagno di fuoco.! (Apocalisse 20:15).  




"perché il Dio che disse: «Splenda la luce fra le tenebre», è lo stesso che ha fatto brillare il suo splendore nei nostri cuori per illuminarci nella conoscenza della gloria di Dio, che rifulge sul volto di Gesú Cristo."   
(2 Corinzi 4,6)
Liberamente adattato da internet
  • Blogger Commenti
  • Facebook Commenti

4 commenti:

  1. Io sono la vite, voi siete i tralci. Colui che dimora in me e nel quale io dimoro, porta molto frutto; perché SENZA DI ME NON POTETE FARE NULLA.(Giovanni 15:5)

    RispondiElimina
  2. Cara Cristina, senza il Suo prezioso aiuto saremmo ancora a combattere con le vocali :D

    RispondiElimina
  3. Articolo impeccabile. Condividerò subito questo sito.
    Per la maggior gloria di DIO
    AlleluYA.

    RispondiElimina
  4. Grazie fabulus, Dio ti benedica..

    RispondiElimina

Tutti i commenti non inerenti verranno cestinati

Item Reviewed: Il cuore è ingannevole 9 out of 10 based on 10 ratings. 9 user reviews.
Scroll to Top