Aborto: il più Grande Crimine contro l’Umanità e contro Dio | CONSAPEVOLI NELLA PAROLA

Ultime News

giovedì 25 marzo 2010

Aborto: il più Grande Crimine contro l’Umanità e contro Dio

gravidanza
Poiché colui che domanda ragione del sangue si ricorda di loro; egli non dimentica il grido degli afflitti. (Salmi 9:12)

L’Eterno disse: «Che hai tu fatto? La voce del sangue di tuo fratello grida a me dalla terra. (Gen 4:10)

Definizione Aborto:
Interruzione della gravidanza, sia naturale come indotta esternamente. In questo trattato ci riferiamo all’aborto indotto umanamente, con la precisa intenzione di espellere il feto dal corpo della madre e di procurarne la morte.

Aborto: la più grande malvagità verso noi stessi
Il 95% degli aborti sono voluti soltanto per ragioni al di fuori di un bisogno fisico o di malattia. Sono sempre per gravidanza non desiderata. Vi hanno fatto credere una fandonia. Nemmeno gli animali mammiferi uccidono i loro figli per queste ragioni. "Ora l’Eterno vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che tutti i disegni dei pensieri del loro cuore non erano altro che male in ogni tempo." (Genesi 6:5)

È il feto un essere umano?
I bimbi non ancora nati, non sono delle masse di tessuto da usare e gettare come pretendono quelli che procurano l’aborto, ma il feto è sempre umano sino dalla fertilizzazione perché tutto il codice DNA necessario per creare gli aspetti di ogni individuo sono già presenti al concepimento. E quello fa del feto un essere umano, senza nessun dubbio.
( le immagini che seguiranno sono molto forti se ne consiglia la visione solo se si vuole capire veramente cosa significa uccidere tramite l'aborto).
Tutti gli argomenti pro e contro l’aborto si basano su questo punto: è il feto umano o no?

Ma quali sono i fatti osservabili, prima delle 11 settimane dal concepimento:

    A 18-25 giorni dopo il concepimento il cuore batte già,

    A 6 settimane si può misurare la frequenze delle onde cerebrali

    A 8 settimane gli organi interni sono funzionanti e le impronte digitali sono visibili

    A 9 settimane il feto percepisce dolore
    Il bambino strizza gli occhi, ingoia e può formare un pugno e anche sorridere,
    Il bambino si muove e da calci,
    Il bambino percepisce caldo, luce e rumore,
    Il bambino si succhia il pollice,
    Il bambino pesa circa 30 grammi ed è circa 8 cm e può stare nel vostro palmo.

Domanda: è questo soltanto un grumo di cellule inutili da buttare via?

Qualche TEMPO "LEGALE" per ABORTO

Francia: 12 settimane

Germania: 12 settimane

Italia: 13 settimane

Svezia :18 settimane

UK: 24 settimane (presto sarà ridotto a 20 settimane)*

US : limite dopo 26 settimane

Australia: Nessun Limite

*UK vuole ridurre il tempo perché tanti bambini sopravvivono l'aborto di 24 settimane e devono essere uccisi fuori dal corpo della madre che tecnicamente sarebbe omicidio.

foto aborto omicidio
Dopo 2 mesi e 1 settimana
foto aborto omicidio
Ciò che rimane di aborti provocati mediante aspirazione a 2 mesi e 1 settimana di gravidanza (2 mesi e mezzo)
foto aborto omicidio
Dopo 2 mesi e 2 settimane con i ferri
foto aborto omicidio
Dopo 2 mesi e 2 settimane con i ferri
foto aborto omicidio
Dopo 2 mesi e 3 settimane con i ferri
foto aborto omicidio
Dopo 2 mesi e 3 settimane con i ferri
foto aborto omicidio
Dopo 3 mesi e 1 settimana
foto aborto omicidio
Dopo 4 mesi e 2 settimane con iniezione salina nella cavità amniotica
foto aborto omicidio
Dopo 4 mesi e 3 settimane
foto aborto omicidio
Dopo 5 mesi e 1 settimana con i ferri
foto aborto omicidio
Dopo 5 mesi e 1 settimana con i ferri. Stava per essere incenerito con cani e gatti, quando un medico si è accorto che, nonostante l'aborto, era ancora vivo
foto aborto omicidio
Dopo 5 mesi e 1 settimana. Saline
foto aborto omicidio
Dopo 5 mesi e 2 settimane
foto aborto omicidio
Aborto procurato mediante isterotomia (piccolo cesareo) a 6 mesi
foto aborto omicidio
Questo è il risultato di un mattino di lavoro in una clinica universitaria canadese. Questi bambini avevano raggiunto età fetali da 4 mesi e 2 settimane a 6 mesi prima di essere uccisi con l'aborto procurato
foto aborto omicidio
questo è l'aborto:un omicidio!
foto aborto omicidio
poteva essere tuo figlio!

Quali sono i più comuni metodi d’aborto

Salino: Una forte soluzione salina viene iniettata nel sacco che contiene il bimbo. Il piccolo respira e ingoia questa soluzione, viene avvelenato senza scampo mentre lotta e ha convulsioni. Ci vuole circa un’ora per uccidere il bambino (che non sempre muore), la madre partorisce il bimbo morto dopo un giorno o due. Se nasce ancora vivo, il bambino viene buttato in qualche secchio finché muore.

Parziale: Il bambino viene estratto al rovescio con faccia in giù, quando la testa è visibile le forbici sono piantate nella nuca e il buco allargato. Poi il cervello del bimbo viene succhiato via per afflosciare il cranio per fare partorire più facilmente il bimbo morto.

Cosa dice la Bibbia a tal proposito

Abbiamo visto sopra che anche la scienza prova con il DNA che il feto, sin dall’inizio è sicuramente un essere umano. Ma cosa dice la Scrittura: ….." e Rebecca, sua moglie, concepì. 22 Ma i bambini si spingevano l’un l’altro nel suo grembo"(Genesi 25:21-22) Da notare che i gemelli (Giacobbe e Esaù) non ancora nati e ancora dentro il grembo di Rebecca sono riferiti come ‘bambini’ dall’Ebreo banin che comunemente si riferisce a bambini già nati oppure a ‘figli’.

Vediamo un simile passaggio nel NT:" E avvenne che, appena Elisabetta udì il saluto di Maria, il bambino le sobbalzò nel grembo……….. Poiché, ecco, appena la voce del tuo saluto mi è giunta agli orecchi, il bambino è sobbalzato di gioia nel mio grembo." (Luca 1:41-44) La parola usata qui per ‘bambino’ (Giovanni il battista che sobbalzò per la presenza di Gesù nel grembo di Maria) è il greco brephos che si riferisce ad un feto o a un bambino appena nato.

Non c’è dubbio che la Bibbia consideri il feto come essere umano, anche dal concepimento. Davide testimonia della sua natura peccaminosa dal momento del concepimento: Ecco, io sono stato formato nell’iniquità e mia madre mi ha concepito nel, peccato. (Salmi 51:5). Perciò lui diventò una persona al momento del concepimento perché soltanto una persona può avere una natura peccaminosa. Davide si considerava essere umano fino dal concepimento.

Dio conosceva Geremia nel ventre di sua madre: «Prima che io ti formassi nel grembo di tua madre, ti ho conosciuto; prima che tu uscissi dal suo grembo, ti ho consacrato e ti ho stabilito profeta delle nazioni». (Geremia 1:5)

Dio chiamò Paolo per la sua grazia nel grembo di sua madre: "Ma quando piacque a Dio, che mi aveva appartato fin dal grembo di mia madre e mi ha chiamato per la sua grazia" (Galati 1:15)

Ma perché la Bibbia non parla tanto di aborto premeditato?
L’aborto era una cosa non comune a quei tempi e  non c’era bisogno di dare regole, per queste ragioni:

    * Per la donna Ebraica (e per le altre nazioni, sino ai tempi d’oggi) era una vergogna essere senza figli, mentre adesso non ne vogliamo, anzi li uccidiamo per salvaguardare i nostri piaceri: Quando Rachele vide che non dava figli a Giacobbe, diventò invidiosa di sua sorella e disse a Giacobbe: «Dammi dei figli altrimenti io muoio». (Genesi 30:1)
      Or la sua rivale (di Anna) la molestava continuamente per farla irritare, perché l’Eterno aveva chiuso il suo grembo. (1 Samuele 1:6)
      "24 Ora, dopo quei giorni, sua moglie Elisabetta concepì; e si tenne nascosta per cinque mesi e diceva: 25 «Ecco cosa mi ha fatto il Signore nei giorni, in cui ha volto il suo sguardo su di me per rimuovere la mia vergogna tra gli uomini»." (Luca 1:24-25)
    
* I figli sono un dono da Dio e nessun credente rifiuterebbe il Suo dono: "Ecco, i figli sono una eredità che viene dall’Eterno; il frutto del grembo è un premio, … Beato l’uomo che ne ha la sua faretra piena…. "(Salmi 127:3-5)
  
*Una donna incinta senza marito sarebbe stata messa a morte, per fornicazione, come per la donna che si sposava non vergine: "allora faranno uscire la giovane all’ingresso della casa di suo padre e la gente della sua città la lapiderà con pietre ed essa morirà, perché ha commesso un atto infame in Israele, facendo la prostituta in casa di suo padre. Così estirperai il male di mezzo a te. "(Deuteronomio 22:21)
   
*Nessuna donna ebrea si sognava di abortire perché avrebbe infranto il sesto comandamento di non uccidere e sarebbe stata messa a morte per aver ucciso: "Chiunque spargerà il sangue di un uomo, il suo sangue sarà sparso per mezzo di un uomo, perché DIO ha fatto l’uomo a sua immagine." (Genesi 9:6)
  
* Infine il sesto comandamento copre benissimo l’aborto, perché la Parola del Signore riconosce il feto come persona a tutti gli effetti e perciò l’aborto premeditato è omicidio. Solo quando il feto viene considerato come una massa di cellule inutili che si entra in una mentalità contorta, bacata, malvagia e satanica che non riconosce la realtà della cosa.

(il feto genera il suo sangue, non lo prende dalla madre e la vita è nel sangue: Poiché la vita della carne è nel sangue….. (Levitico 17:11))

Qualche Statistica

Mondo:
In 54 nazioni (61% della popolazione mondiale) l’aborto è legale
In 97 nazioni (39% della popolazione mondiale) l’aborto è illegale
Ogni anno ci sono circa 46+ milioni di aborti, circa 126,000 aborti ogni giorno.  (quasi la popolazione d'Italia ammazzata ogni anno.)
Nella seconda guerra mondiale morirono circa 40 milioni di persone europee, 48 mondiale.

U.S.A.
Circa 1.6 milioni di aborti all’anno (quasi 3 volte la popolazione di Genova)
Oltre 42 milioni dal 1973 ad adesso (quando l’aborto fu legalizzato)
L’aborto è legale per qualsiasi ragione per tutti i 9 mesi

Ragioni per abortire:

 25.5% vogliono rimandare i figli (dopo che si sono divertiti)
 21.3% non possono (o non vogliono) permettersi bambini
14.1% il partner non vuole avere figli
12.2% troppo giovane, pressione dai genitori ad abortire
10.8% per ragioni di carriera o studi o altre cose più importanti
7.9% non vogliono più figli
3.3% rischio al feto
2.8% rischio alla vita della madre.
1% dovuto a stupro o incesto
1% per anomalie nel feto
95% degli aborti è fatto per ragioni di controllo di nascite, non per bisogno fisico
Più di due terzi di donne che abortiscono hanno un lavoro, il resto è a scuola.
80% di aborti sono a donne non sposate.

Italia

In Italia la percentuale di aborti sui nati vivi è del 26,6%
Ogni anno circa 140,000 aborti
Dal 1978 ad adesso il totale aborti in Italia circa è di 4,5 milioni

Perché la gente è così fortemente in favore dell’aborto e lo difende con la spada tratta?
Per almeno queste ragioni:

   1. Non c’è più paura di Dio nella nostra società. L’aborto è uccidere, secondo la parola del Signore, ma Satana attraverso la sua migliore creazione, la democrazia, è riuscito a far credere la bugia che l’aborto non ha niente a che fare con una persona vera, ma solo un grumo di cellule non volute,
   2. Di nuovo Satana attraverso la democrazia e sua figlia, il femminismo, è riuscito a far mettere la donna sul più alto piedistallo e fatto credere a tutti un’altra falsità: ovvero il feto è proprietà della donna quando invece i fatti sono che è proprietà di Dio e che la donna fu creata proprio per questa funzione. Hanno giustificato l’aborto facendo credere che l’aborto sarebbe stato solo nel caso ci fosse stato stupro o che la vita della madre fosse in pericolo, i fatti sono che la percentuale di aborti dovuta a stupro o incesto è solo l’1% mentre quella della madre in pericolo non è più del 2,8%. Vi hanno fatto credere che l’aborto si sarebbe fatto solo sotto i 3 mesi, in realtà l’aborto adesso è legale senza limiti di tempo e per qualsiasi ragione. I fatti sono che il 95% degli aborti sono fatti tutt'altro che per ragioni di salute, piuttosto per il controllo delle nascite e per "godersi" la vita.
   3. Ed ecco cosa dice la Parola di questi tempi: "Or sappi questo: che negli ultimi giorni verranno tempi difficili, 2 perché gli uomini saranno amanti di se stessi, avidi di denaro, vanagloriosi superbi, bestemmiatori, ribelli ai genitori, ingrati, irreligiosi, 3 senza affetto, implacabili, calunniatori, intemperanti, crudeli, senza amore per il bene, 4 traditori, sconsiderati, orgogliosi, amanti dei piaceri invece che amanti di Dio" (2 Timoteo 3:1-4)

Si sentono forse tanti che alzano la voce contro l’omicidio di quest’enorme numero di vite indifese e innocenti? No, non tanti, ma vediamo gli Spagnoli che per la perdita di 200 vite su un treno hanno alzato una gran cagnara, hanno fatto saltare un futuro governo, si sono messi la coda fra le gambe e se ne sono ritornati a casa. Vediamo anche tribunali all’Aia che condannano per crimini contro l’umanità per qualche migliaio di persone trucidate. Abbiamo visto il gran tribunale di Norimberga, e sono tutte cose giuste, ma per i 50 milioni di vittime annuali indifese c’è forse qualcun che li protegge? c’è forse qualcuno che perora la loro causa? perché lo stato non lo fa, anzi li uccide. C’è qualcuno?

Noi Cristiani dobbiamo essere ben informati e non andare dietro fantasie, e non accettare le vie del mondo ma proclamare la Giustizia di Dio:

   1. Il feto è sempre umano sino dalla fertilizzazione perché tutto il codice DNA necessario per creare gli aspetti di ogni individuo sono già presenti al concepimento,
   2.la nozione che il feto è un ammasso di cellule inutili è totalmente falso e va rigettato,
   3. il feto è un essere umano e chi lo uccide è un assassino e dovrà rendere conto di questo a Dio,
   4. il sesto comandamento: Non ucciderai. (Esodo 20:13) è perciò pienamente applicabile,
   5. storicamente tutti i padri della chiesa condannarono l’aborto,
   6. la chiesa e i credenti non devono chiudere un occhio (o tutti e due) su questo atto infame ma lo devono denunciare come crimine contro l’umanità ed i perpetuatori puniti come assassini di innocenti,
   7. l’aborto non è il peccato imperdonabile, ma chi ne è stato partecipe, sia la madre come chi lo ha fatto, devono confessare questo omicidio al Signore.

Ecco dove ci hanno portato la Democrazia, il Femminismo e gli uomini di Satana modernisti.
La smodata distruzione di vite umane innocenti è un crimine contro Dio e una negazione della verità che noi siamo fatti a Sua immagine. Ogni cosa appartiene a Lui comunque. Al Signore appartiene la terra e tutto quello che è in essa, il mondo e i suoi abitanti. Salmo 24:1 La nostra propria vita è un dono prezioso che ci è stato dato, ma in definitiva noi apparteniamo a Dio! Noi Gli apparteniamo; semplicemente ci è stata concessa l’amministrazione della nostra vita, talenti, denaro, tempo, la terra su cui viviamo e le cose che abbiamo. Sebbene i bambini passino da noi, essi non sono nostri, così come noi rispetto ai nostri genitori. A ciascuno di noi è stato dato il dono della vita e la libertà, perciò siamo responsabili verso Dio. Nessuno di noi ha il diritto di negare lo stesso dono ad una persona che deve nascere. E’ un onore portare in grembo la potenza di un’altra vita nel nostro corpo; una vita fatta ad immagine di Dio!(Gen 5:1-2)
 
Distogliamoci dalla nostra crudeltà e difendiamo la santità della vita umana! Oltre al rispetto per Dio, offriamo compassione e misericordia per ogni vita attorno a noi, nata o ancora da nascere. Siamo donatori di vita anziché coloro che la tolgono.
Aiutiamo a far comprendere a tutti che abortire è commettere omicidio e che tale omicidio non potrà che significare la fine della nostra vita futura, chiedeiamone perdono a Dio se lo abbiamo fatto e impegnamoci a far sì che la conseguenza del nostro atto non modifichi la nostra vita terrena volgendola ancor di più verso il peccato, che è quello che Satana vuole....Sappiate che a livello individuale, c’è il perdono per la partecipazione al peccato di aborto. Con il sacrificio di Gesù Cristo, Dio può giustamente perdonare coloro che vengono a Lui in pentimento e in fede: 

"Or tali eravate già alcuni di voi; ma siete stati lavati, ma siete stati santificati, ma siete stati giustificati nel nome del Signore Gesú e mediante lo Spirito del nostro Dio." (1 Corinzi 6:11)


" Essi si mescolarono con le nazioni e impararono le loro opere. Servirono i loro idoli, che divennero un laccio per essi; sacrificarono i propri figli e le proprie figlie ai demoni, e sparsero il sangue innocente, il sangue dei propi figli e delle propie figlie, che sacrificarono agli idoli di Canaan;e il paese fu profanato dal sangue versato"
(Salmo 106)


Liberamente adattato da internet
  • Blogger Commenti
  • Facebook Commenti

15 commenti:

  1. ottimo articolo Ruth e purtroppo... estremamente vero.

    se posso permettermi di esprimere un parere, l'unica cosa eccessiva sono le foto. non nel contenuto chiaramente, che denunciano cosa sia realmente questo peccato gravissimo. ma nella quantità, che mi sembra eccessivamente ridondante..

    parere mio naturalmente..

    anche su ultimaepoca abbiamo affrontato il tema, con l'articolo "OBAMANATION".

    un caro saluto

    Giona

    RispondiElimina
  2. caro Giona mi dispiace ma non sono daccordo affatto che le immagini siano troppe, se danno in qualche modo fastidio alla vista credo che allora siano servite allo scopo...sono orribili su questo sono daccordo ma ECCO E' SOLO LA REALTÀ CIOE' DELLE MOSTRUOSITÀ INDESCRIVIBILI MA ECCO COS'È REALMENTE L'ABORTO: UN OMICIDIO VOLONTARIO ATROCE DI UN BIMBO, CHE VIENE SPEZZETTATO, SMINUZZATO, SMEMBRATO, DILANIATO, DISARTICOLATO, STRITOLATO E DISTRUTTO PER POI ESSERE BUTTATO NEI RIFIUTI!!!!
    IL MALE PIÙ GRANDE CHE SI POSSA IMMAGINARE!! UN UCCISIONE DELIBERATA E DIRETTA!
    UNA DI QUESTE FOTO VALE PIÙ DI UN MILIONE DI PAROLE...ma ovviamente è solo ciò che penso io...un abbraccio e un caro saluto anche a te caro fratello

    RispondiElimina
  3. Grazie per questa pagina, è un vero tributo alla vita e contro l'ignoranza che rende criminali. Il Signore te ne renda merito. Non dare retta a chi si lamenta per le foto: queste foto sono testimonianze eccezionali per quanto tristi. Nessuno si lamenterebbe mai per le foto dei cadaveri dei lager, anche nei libri di storia dei bambini. Ma questi cadaverini fanno paura perchè tanti vogliono che si taccia l'ipocrisia di un olocausto legalizzato dallo Stato. Grazie ancora.

    RispondiElimina
  4. Grazie a te Matilde per aver compreso il vero significato delle immagini che ho messo...è solo con l'orrore di esse che si può comprendere cosa sia davvero l'aborto, uno dei crimini peggiori che una persona possa commettere...Dio benedica te!

    RispondiElimina
  5. Ottimo articolo, hai detto tutto e bene chiamando le cose con il loro nome,: "omicidio", "crimine contro l' umanità", "femminismo" che viene da satana. La democrazia che tu giustamente critichi si può definirla anche "vaginocrazia", un termine che esprime l'essenza di questa democrazia. La "Donna è Dio". Lei può fare tutto quello che vuole, perchè "dà la vita" , perchè "in passato ha subito discriminazioni"e perchè il suo Corpo viene sacrificato per "peccati degli uomini". Siccome si dice che la donna "dà la vita"(è una menzogna non solo perchè la vita la dà Dio, ma anche perchè la vita biologica ha inizio con l' unione di uno spematozoo con l' ovulo, quindi è "fifty-fifty" tra maschio e femmina) allora lei logicamente è considerata padrone del feto,e purtroppo non solo del feto in quanto lei può uccidere suo figlio anche dopo che è nato, così per giustificare l 'infanticidio materno è stata creata ad hoc la "depressione post partum" la quale stranamente anzichè far commettere gesti di autolesionismo(la depressione porta a sensi di colpa quindi non fa commetere gesti violenti verso gli altri) fa uccidere gli altri e per di più non solo nel periodo post parto(come rende la definizione) ma anche dopo anni e anni dalla nascita(ma non era "post partum"?), così se lui uccide il figlioletto di 6-7 anni è perchè è "depressa". E così tutti la giustificano o comunque la compatiscono. Se leggi le sentenze di tribunale sui tanti e tani infanticidi materni che ogni anno succedono, rabbrividisci.

    RispondiElimina
  6. E' un luogo comune quello secondo cui il Femminismo si batte per la "parità"(tra l'altro già abbondandemente ottenuta in Occidente, alla faccia della diversità tra i due generi) in quanto da sempre la mentalità e cultura femminista e modernista predicano un vero e proprio suprematismo femminile(alla stessa stregua del Ku Klux Klan con la "razza" bianca) attestante la "superiorità" femminile nei confronti degli uomini(e ci è riuscita, in quanto oggi quasi non c'è nessuno che non affermi che la donna sia superiore agli uomini biologicamente, intellettualmente, moralmente e quant' altro, è diventato politicamente corretto affermare che la donna "è più brava degli uomini"). Senza contare la richiesta(e l' ottenimento) di privilegi femminili nella società attraverso le tante e innumerevoli "discriminazioni positive"(termine coniato dal Ministero delle Pari Opportunità, che di tutto si batte tranne delle "pari opportunità" in quanto si batte esplicitamente per l'affermazione delle donne e non per un pari inserimento).La donna viene considerata "forte" o "debole" a seconda della comodità in questione: se si tratta di compiti in cui si comanda comodi dietro ad una scrivania la donna è considerata "forte" e quindi tutti si battono affinchè nei parlamenti, nei CdA, nelle giunte, ecc aumenti la presenza di donne attraverso le anticostituzionali "quote rosa", ma se si tratta di mansioni e compiti rischiosi o usuranti o comunque sfavorevoli la donna diviene improvvisamente "debole" e quindi le si concedono "corsie preferenziali", dispense, agevolazioni, trattamenti speciali, e così via. Il guaio è che tutti accettono tranquillamente questa ipocrisia e questo sessismo femminista in quanto attraverso 50 anni di manipolazione culturale e psicologica di massa e in grande stile al popolo è stata inculcata la "Grande Narrazione Femminista", cioè la storia dei due generi è stata travisata e reinterpretata come storia di "oppressione" degli uomini contro le donne, cosìcchè oggi sia le donne che gli uomini trovano giusto favorire la donna a discapito degli uomini, in nome di una folle "compensazione" di presunte discriminazioni del passato e del presente. Il risultato è che la stragrande maggioranza degli uomini crede di essere "oppressore" e "privilegiato" nei confronti delle donne in quanto uomini e quindi si sente in debito morale nei loro confronti, e di riflesso,ovviamente quest' ultime si sentono sul piedistallo, come delle sorte di "padreterni" cui tutti gli uomini devono tutto. Ovvio quindi che lei si sente in diritto anche di sopprimere il bimbo che ha in grembo(e non solo in grembo) e il marito.Ovviamente è molto lungo il discorso, ci sono tanti siti di controinformazione e libri che smascherano il Femminismo e le sue menzogne e falsificazioni. Che purtroppo tutti credono. Il padre della menzogna, il diavolo, sta seducendo tutto il mondo.

    RispondiElimina
  7. Caro Raffaele, sono daccordo in tutto ciò che dici, ma voglio farti solo un piccolo appunto, forse determinato anche dal fatto che non conoscendoti bene, non so quanto tu sia coinvolto in questa tua lotta contro il femminismo, e l'appunto è che non devi solo fare una crociata verso una parte di ogni problema ma vederne entrambi i lati, perchè pur se è vero che il femminismo come tale è un'arma di satana, dall'altro lato, c'è anche, purtroppo, un maschilismo estremo che è l'altra parte della stessa arma, poichè l'uno è cagione dell'altro estremo...non credo che tu la veda così, ma era giusto dirlo, io sono per una misura giusta in ogni cosa che non tenda mai a nessun estremismo "estremo", scusa il gioco di parole...e poi non puntiamo tutte le nostre forze solo verso un lato del male, ma pur denunciando gli inganni, i nostri occhi e le nostre forze siano sempre rivolte a Dio...le seduzioni sono molte ma la nostra unica forza su loro ci viene solo se passiamo il tempo con Lui..Giobbe 12:16 "Egli possiede forza e sapienza; da lui dipendono chi è ingannato e chi inganna."

    RispondiElimina
  8. Rita,io apprezzo molto queste tue prese di posizione contro il femminismo e infatti non mi sorprendo che tu sia d'accordo a quanto da me detto prima, ma proprio per questo rimango meravigliato per questo tuo appunto, infatti non capisco come tu abbia potuto sospettare che io non condanni l' estremo speculare del femminismo(quello che chiami "maschilismo") e che mi soffermi solo su un lato del male(femminismo) e non anche sull' altro("maschilismo"). Se leggi un pò il mio blog vedrai quale è la mia posizione a riguardo(leggi questa mia Lettera aperta a Repubblica, solo per fare un esempio) e di come combatto proprio quello che tu giustamente condanni(cioè guardare il male solo da un lato). Per esempio io sono anche antirazzista, e infatti non condanno il razzismo solo da un lato(bianchi contro neri, zingari, ecc) ma anche dall' eventuale altro lato(razzismo antibianco, anche se è assolutamente minoritario e circoscritto). Il fatto che io non condanni esplicitamente anche il "maschilismo" è per due motivi; il primo è perchè a condannare il presunto "maschilismo" già ci pensano tutti: dalle tv ai giornali, dal pincopollino qualsiasi al presidente del consiglio, dal presidente della Repubblica(a reti unificate) al Papa, fino ad arrivare..al segretario dell' Onu, e così via. Ma a condannare il femminismo e la propaganda femminile pare che non ci pensi nessuno se non quattro gatti esclusi da ogni spazio mediatico e informativo e quindi costretti a scrivere su isolati blog letti da due o tre gatti e sotto continua minaccia di censura e perennemente boicottati sui motori di ricerca. Tirane le somme. Il secondo motivo è che a differenza del Femminismo, questo cosidetto "maschilismo" non è per nulla diffuso e radicato in Occidente(e anche sui paesi orientali non sempre si dice la verità, leggi qui) ma è solo uno spauracchio mitologico(così come quello sull' "emergenza sicurezza") creato ad arte dai media e dal sistema politico per accreditarsi elettoralmente(fare campagna politica su temi quali la "sicurezza" e i "diritti delle donne" paga molto in termini elettorali) e che tanta presa ha fatto sull' opinione pubblica(Goebbles, il ministro della propaganda nazista, diceva che nel ripetere al popolo molte volte una bugia quest' ultima diventa verità). Al contrario, il Femminismo è molto radicato nella mentalità comune in Occidente, e il fatto che alla donna viene assegnata la liceità morale e legale di uccidere il proprio figlioletto(sia in grembo che non) conferma la precente affermazione.Oltretutto se questa mentalità comune le ha assegnato il diritto di uccidere il proprio figlioletto figuriamoci su altre azioni meno gravi quanto alla donna è concesso.

    RispondiElimina
  9. Il discorso è molto lungo, mi limito solo a segnalarti alcuni tra i tanti documenti che potresti leggere, premettendo prima, però, che la nostra battaglia antifemminista non è finalizzata a combattere le donne(perchè in caso contrario, sarebbe l' estremo opposto del femminismo, e quindi il tuo appunto nei miei confronti sarebbe assolutamente legittimo), questo perchè il femminismo non riguarda un sesso ma è una cultura e una becera mentalità che fatto presa sulla gente a prescindere dal sesso(anzi, sono più femministi gli uomini che le donne). Noi vogliamo disinnescare questa guerra tra i sessi scatenata dal Femminismo(siamo sia contro la misoginia che la misandria), vogliamo che uomini e donne si possano amare e rispettare e quindi creare le premesse culturali e morali affinchè la Famiglia distrutta dal femminismo possa essere riscostituita. Non lo se dal punto di vista biblico questa speranza possa avverarsi(come ben sai sta scritto che più passa il tempo più peggiorano le cose in termini di amore che andrà via via raffreddandosi)ma è un dovere combattere per il bene.

    -Alcuni esempi di Male Bashing per tv

    -Fermiamo la violenza femminista, stop alla propaganda terroristica di dati falsi e mistificati
    - Vedi anche qui e inoltre qui e qui
    -La differenza retributiva tra uomini e donne è una balla
    -Velina, ergo femminista
    - Sulla "mercificazione del corpo delle donne"
    -Morti sul lavoro: il 3% sono donne

    -Alcune discriminazioni antimaschili
    E tanti, tanti, tanti altri ancora, ma mi fermo qui perchè il discorso è lunghissimo e tra l'altro non voglio uscire fuori tema. Dico solo che non c'è nulla di più bello avere donne che sono contrarie al femminismo.Ricorda, inoltre, che anche l' apostolo Paolo viene continuamente accusato di essere un "maschilista" e "misogino" e questo non solo da parte di atei ma anche da tanti benpensanti credenti.

    RispondiElimina
  10. Caro Raffele, non volermene se ti ho fatto quell'appunto, non perchè credessi davvero quello che ho scritto, ma perchè comunque si evince dalle tue parole e dal tuo blog una vera crociata su questo argomento. Ho visto diversi dei tuoi link e devo dire che non credevo fossero così avanti nel male,sulla questione del femminismo, ma mi rendo conto che davvero il problema è grave, però se posso permettermi, come per tanti altri mali, di cui il mondo è pieno, infatti la perversione dilaga ovunque, ormai, noi non possiamo combatterla completamente, tutto, infatti, si sta verificando come descritto nella Parola di Dio e queste cose dimostrano solo che siamo davvero negli ultimi tempi...tutto si verificherà anche se lottassimo con ogni mezzo, anche il nwo, e anche l'anticristo appariranno presto, non potremo fermare nulla...il nostro lavoro deve concentrarsi sul far giungere a tutti la volontà di Dio che è quella di far conoscere, si il male che ci circonda, ma soprattutto di far sapere che esiste una sola possibilità di salvezza a tutto quanto e solo attraverso Cristo...anche io avrai potuto vedere denuncio tanti inganni, non per portare le persone a mettere in atto una propria guerra personale ma affinchè tramite la conoscenza di essi si sappia distinguere l'inganno e non caderci...termino dicendo che Dio ha creato due esseri ben distinti, che si sarebbero completati a vicenda e ad ognuno di loro due aveva assegnato funzioni e ruoli ben precisi, e in questo modo sia le famiglie che la società avrebbe funzionato bene , ma l'uomo, dando retta a satana, ha stravolto tutto, creando un mondo in cui tutto viene fatto affinchè queste funzioni siano annullate e le famiglie crollando facciano crollare tutto quello che in loro poteva essere, e così anche la società sta fallendo il suo obiettivo, prendendo a proprio esempio, solo i falsi valori portati avanti....Pace, che Dio ti guidi ad operare nel modo migliore per Lui

    RispondiElimina
  11. Condivido ciò che hai detto.
    Anche se comunque lo smascheramento dell' inganno di qualunque natura sia e da qualunque parte avvenga è sempre salutare. Hai perfettamente ragione quando dici che non si potranno risolvere queste ingiustizie perchè si andrà sempre in peggio, ma comunque è sempre doveroso battersi perchè Gesù disse "beati gli operatori di pace". Sin da quando sono piccolo sono allergico alle menzogne, specie se nuocciono al prossimo.
    Pace anche a te.

    RispondiElimina
  12. Caro Raffaele credo che avessimo molto in comune, solo che io ormai affido a Dio la giustizia, perchè tra gli uomini non la otteremo mai...pace

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  14. @ Zorba
    Visti i termini da te usati sono costretta a cestinare il tuo commento

    RispondiElimina

Tutti i commenti non inerenti verranno cestinati

Item Reviewed: Aborto: il più Grande Crimine contro l’Umanità e contro Dio 9 out of 10 based on 10 ratings. 9 user reviews.
Scroll to Top